Home page  
Visualizzazione Contributo


  • Visualizza tutti i contributi


    OSSign¨r! LA MONTAGNA ASSISTITA  (1186 Click)
    Il Consorzio Monviso Solidale ha prodotto un film di Sandro Gastinelli e Marzia Pellegrino
    17/09/2008
    Cadmo
    Tradizioni
     

    Dal Sito pmnet.it

    OSSign¨r! LA MONTAGNA ASSISTITA
    di Sandro Gastinelli e Marzia Pellegrino

    In valle VarÓita, sulle Alpi Occidentali, lavorano in ambito socio-sanitario un assistente sociale, cinque operatori socio-sanitari, sei medici di base e cinque infermieri professionali. Il loro lavoro Ŕ coordinato in parte dall'ASL di competenza e in parte dal Consorzio Monviso Solidale che, in particolare, si occupa della gestione dei servizi alla persona, i quali assumono in ambiente montano importanza fondamentale per la sopravvivenza e prosperitÓ dell'intera comunitÓ.
    L'esclamazione tutta piemontese che da il titolo al film e che significa "Oh, mio Dio!", Ŕ quella che pi¨ sorge spontanea di fronte ai "casi" che il documentario racconta. In pi¨ ricorda la sigla con la quale vengono identificati coloro i quali con il loro lavoro sono oggi fondamentali per molta gente della montagna: sono gli OSS, Operatori Socio Sanitari, senza dimenticare ovviamente infermieri e medici di base.

    L'approccio alle vicende raccontate Ŕ assolutamente istintivo, la troupe assiste e documenta quanto succede, senza intromettersi, senza manipolare in alcun modo le situazioni che si alternano nella narrazione. Il montaggio evidenzia i momenti pi¨ significativi, inducendo alla riflessione attraverso quanto i protagonisti delle storie dicono o semplicemente fanno intuire nel fluire delle loro azioni; non vi Ŕ aggiunta di una sola parola da parte di voci estranee al racconto. In questo modo si entra in punta di piedi nelle case della gente, nelle loro vite e nei problemi della montagna in generale: la malattia, l'alcolismo, la solitudine, anche solo l'affrontare in quei luoghi una condizione naturale come la vecchiaia.

    Sottolineano i vari momenti le sole note della fisarmonica di Davi Arneodo nella libera interpretazione della "Gigo de Blins", una danza tradizionale della Valle VarÓita, la valle della "Bajo" di Sampeyre.
    Per informazioni sul Filmfestival di Trento consultare il sito
    www.trentofestival.it
    Per ulteriori informazioni o fotografie:
    www.sandrogastinelli.it - info@sandrogastinelli.it - 348/3127500.




     
    318 Voti (Vota questo contributo )
     Stampa questa pagina Stampa

    UtenteData/OraCommento

    Non ci sono commenti per questo contributo



    Utente     Accedi/Registrati
    Commento  
    Codice di sicurezza       Che cos'Ŕ?



  •   Versione: 3.0