Home page  
Visualizzazione Contributo


  • Visualizza tutti i contributi


    Oltre il ponte  (2703 Click)
    La canzone scritta da Italo Calvino e Sergio Liberovici da Buttarelli in poi su You Tube
    22/11/2008
    nanus_08
    Cultura
     

    "Oltre il ponte" testo di Italo Calvino e musica di Sergio Liberovici cantata da Piero Buttarelli

     

    Da: rivoltabufale
    Aggiunto:
    interpretata velocemente da Antonio Mainenti.Una registrazione veloce e casalinga, un pezzo quasi mai provato ma "sbobinato" per l'occasione. Questo solamente per percepire ancora di più la semplicità del brano, la semplicità con cui il brano dovrebbe essere interpretato. Ho comunque cercato di rifarmi alla versione originale, quella interpretata da Piero Buttarelli dei Cantacronanche, versione priva di orpelli e barocchismi tipici dei nostri tempi; l' originale veniva accompagnata dal pianoforte.
    A questa stupenda canzone ho inserito delle scene del film "il terrorista" di G. De Bosio del 1964
     

     

     

     



    O ragazza dalle guance di pesca,
    O ragazza dalle guance d'aurora,
    Io spero che a narrarti riesca
    La mia vita all'età che tu hai ora.
    Coprifuoco: la truppa tedesca
    La città dominava. Siam pronti.
    Chi non vuole chinare la testa
    Con noi prenda la strada dei monti.

    Silenziosi sugli aghi di pino,
    Su spinosi ricci di castagna,
    Una squadra nel buio mattino
    Discendeva l'oscura montagna.
    La speranza era nostra compagna
    Ad assaltar caposaldi nemici
    Conquistandoci l'armi in battaglia
    Scalzi e laceri eppure felici.

    Avevamo vent'anni e oltre il ponte
    Oltre il ponte che è in mano nemica
    Vedevam l'altra riva, la vita,
    Tutto il bene del mondo oltre il ponte.
    Tutto il male avevamo di fronte,
    Tutto il bene avevamo nel cuore,
    A vent'anni la vita è oltre il ponte,
    Oltre il fuoco comincia l'amore.

    Non è detto che fossimo santi,
    L'eroismo non è sovrumano,
    Corri, abbassati, dài, balza avanti,
    Ogni passo che fai non è vano.
    Vedevamo a portata di mano,
    Dietro il tronco, il cespuglio, il canneto,
    L'avvenire d'un mondo più umano
    E più giusto, più libero e lieto.

    Avevamo vent'anni e oltre il ponte
    Oltre il ponte che è in mano nemica
    Vedevam l'altra riva, la vita,
    Tutto il bene del mondo oltre il ponte.
    Tutto il male avevamo di fronte,
    Tutto il bene avevamo nel cuore,
    A vent'anni la vita è oltre il ponte,
    Oltre il fuoco comincia l'amore.

    Ormai tutti han famiglia, hanno figli,
    Che non sanno la storia di ieri.
    lo son solo e passeggio tra i tigli
    Con te, cara, che allora non c'eri.
    E vorrei che quei nostri pensieri,
    Quelle nostre speranze d'allora,
    Rivivessero in quel che tu speri,
    O ragazza color dell'aurora.

    Avevamo vent'anni e oltre il ponte
    Oltre il ponte che è in mano nemica
    Vedevam l'altra riva, la vita,
    Tutto il bene del mondo oltre il ponte.
    Tutto il male avevamo di fronte,
    Tutto il bene avevamo nel cuore,
    A vent'anni la vita è oltre il ponte,
    Oltre il fuoco comincia l'amore.




     
    410 Voti (Vota questo contributo )
     Stampa questa pagina Stampa

    UtenteData/OraCommento


    Utente     Accedi/Registrati
    Commento  
    Codice di sicurezza       Che cos'è?



  •   Versione: 3.0