Home page  
Visualizzazione Contributo


  • Visualizza tutti i contributi


    Ballata per Ciriaco Saldutto  (1203 Click)
    Giovane studente vissuto in borgo San Donato, morto suicida dopo la bocciatura alla Pacinotti
    27/06/2009
    ale
    Tradizioni
     

     La canzone è di Ivan della Mea in un'interpretazione locale

    VAI al      ildeposito.org

    Vai al File Audio

    Lui ha quindici anni,
    cognome Saldutto,
    alunno alle medie,
    scuola Pacinotti,
    venuto di Puglia, "terrone" immigrato:
    Torino lo boccia e lui s'è impiccato

    Per essere chiari diciamo: è un delitto,
    un altro delitto della repressione,
    che usa la legge, il fucile, la scuola
    per farci più servi del nostro padrone

    Si sa che il padrone le sue maestranze
    le vuole istruite e ben educate;
    con la sua cultura, la sua disciplina
    lui plasma i servi di ogni officina

    La tua cultura e del tuo paese,
    sia chiaro, "terrone", va buttata via;
    la scuola ti dà un'altra cultura,
    quella dei padroni, della borghesia

    E tu puoi scordare l'azzurro del cielo
    di Puglia e il dialetto della tua terra:
    tuo cielo è la FIAT, tua terra è Torino,
    la scuola, Saldutto, è il campo di guerra.

    Ma non c'è battaglia, non c'è condizioni,
    "terrone", ti adegui oppure accadrà
    che la repressione di tutti i padroni
    con l'arma del voto ti escluderà

    Così a quindici anni
    ti han tolto anche il cielo
    e in cambio ti han dato
    un vuoto di niente,
    e l'ultimo gioco che ti han lasciato
    è un pezzo di corda: ti sei impiccato.

    Per fare chiarezze diciamo: è un delitto,
    un altro delitto della repressione,
    che usa la legge, il fucile, la scuola
    per farci più servi del nostro padrone

    [...]Ballata per Ciriaco Saldutto, la canzone d’apertura della seconda facciata del disco, si riferisce ad un quindicenne meridionale, immigrato dalle Puglie a Torino, città che lo isola e lo annienta, fino ad indurlo ad impiccarsi, con il "delitto della repressione". Crepa!, nella sua incandescente dolcezza, torna a ribadire uno dei punti basilari in Della Mea: la necessità di essere "bambino" per poter "credere", "sperare" e "volere un mondo nuovo" [Teresio Zaninetti, da Rabbia e poesia in Ivan Della Mea.


    Ciriaco Saldutto visse e morì in Via Sobrero, nel quartiere di San Donato a Torino. Se ne ha notizia in questo articolo di it.wikipedia dove pure è nominata la canzone di Ivan della Mea. Come ci informa opportunamente Vito Vita, il fatto avvenne nel giugno del 1972 e fu ricostruito anche in un reportage della RAI.

    (da http://www.prato.linux.it/~lmasetti/antiwarsongs/canzone.php?id=4240&lang=it )

    Aggiornato qs contributo con i video pubblicati su Internet

    (agosto 2009)

     

    Ivan Della Mea, all'anagrafe Luigi (Lucca, 16 ottobre 1940Milano, 14 giugno 2009), è stato un cantautore e scrittore italiano.

    Biografia

    È nato a Lucca il 16 ottobre 1940 ma si è trasferito in giovanissima età a Milano, divenendo un cantante e un autore milanese anche per la scelta linguistica (sue sono tra le più belle ballate contemporanee in dialetto milanese, come El me gatt (poi ripresa, tradotta in dialetto napoletano, da Daniele Sepe), Ringhera (dedicata in parte alla Strage di Piazza della Loggia del 28 maggio 1974 Mio dio Teresa tu sei bella, [1]; La ballata dell'Ardizzone]). Protagonista della Nuova canzone politica italiana dagli anni '60 e (sua tra le tante è O cara moglie, pubblicata su 45 giri nel 1966), ha avuto per compagni di strada Fausto Amodei, Michele Straniero, Sandra Mantovani, Giovanna Daffini, Rudi Assuntino, Gualtiero Bertelli, Alfredo Bandelli, Paolo Pietrangeli, Giovanna Marini, Sandra e Mimmo Boninelli e gruppi come il Nuovo canzoniere milanese, il Canzoniere Pisano, il Nuovo Canzoniere Bresciano, gli E'Zezi di Pomigliano d'Arco, il Gruppo Padano di Piadena, I giorni Cantati, il Canzoniere Veneto, Peppino Marotto e i cantori di Orgosolo, Pino Masi e tanti altri.

    Nel 1956 si iscrive al Partito Comunista Italiano. Prima di occuparsi di musica svolge vari lavori, operaio in una fabbrica elettromeccanica, barista, scaricatore, fattorino con bicicletta di una drogheria milanese, fattorino senza bicicletta al Calendario del Popolo di Giulio Trevisani, rivista mensile nella quale diventerà prima correttore di bozze poi redattore, redattore al giornale Stasera, revisore di collane periodiche della Mondadori (Gialli, Urania, Segretissimo) per le quali ha scritto alcuni racconti. Comincia a scrivere canzoni nel 1957; nel 1962 l'incontro con Gianni Bosio segna un momento importante nella sua vita di militante e di cantante.

    All'1:30 del 14 giugno 2009 è morto inaspettatamente all'Ospedale San Paolo di Milano dove era stato ricoverato d'urgenza dopo un malore seguito a un lungo periodo di cattiva salute.

    Attività musicale

    Insieme a Bosio, Ivan Della Mea è uno dei fondatori del Nuovo Canzoniere Italiano, con cui farà un'intensa attività di spettacoli, dischi, ma anche di ricerca. Le sue prime incisioni fanno parte del disco Canti e inni socialisti, prodotto nel 1962 per il 70° anniversario della fondazione del Partito Socialista Italiano, mentre per la neonata etichetta musicale I dischi del sole pubblica il suo primo LP, Ballate della piccola e della grande violenza.

    La sua produzione discografica si articola in alcuni di 45 giri come "O cara moglie" e in diversi 17 cm 33 giri come Ballate della grande e della piccola violenza del 1962 e, a seguire,La mia vita ormai e Ho letto sul giornale. Il primo LP Io so che un giorno del 1966; a seguire Il rosso è diventato giallo del 1969, Se qualcuno ti fa morto 1972, La balorda 1972 (successivamente ripresentata da Felice Andreasi ed alcuni anni dopo da Monica Vitti) con la celebre Ballata per Ciriaco Saldutto, dedicata allo studente torinese vissuto in borgo San Donato e morto suicida dopo essere stato bocciato; Ringhera dedicata alla strage in Piazza della Loggia a Brescia 1974; Fiaba grande del 1975, La piccola ragione di allegria del 1978, Sudadio-Giudabestia I e II del 1979- 1980; Karlett 1984; Ho male all'orologio CD per "il manifesto" 1997 e La Cantagranda - forse walzer 2000. Le sue tappe artistiche non sono solo rappresentate solo dai dischi a suo nome, ma anche e soprattutto dalla sua presenza attiva agli spettacoli organizzati dal Nuovo Canzoniere Italiano: in particolare egli partecipa nel 1963 ad uno spettacolo di canzoni padane con Fausto Amodei, Giovanna Daffini, Sandra Mantovani, Michele Luciano Straniero e Rudi Assuntino; nel 1964 a L’altra Italia e a Pietà l'è morta (la resistenza nelle canzoni); dal 24 aprile al 2 giugno 1965 prende parte alle trentacinque repliche di Bella ciao, nel 1966 a Ci ragiono e canto; nel 1967 partecipa con Giovanna Marini all’Encuentro Internacional de la Cancion comprometida sul canto di protesta tenutosi a Cuba. Il 2 dicembre 1967 lascia il Nuovo Canzoniere Italiano (per dissenso politico-culturale con Gianni Bosio. Nel 1969 scrive insieme a Franco Solinas il soggetto dello Spaghetti-western Tepepa con protagonista Tomas Milian e la partecipazione di Orson Welles. Nel giugno 1971 dopo un chiarimento con Bosio rientra nel Nuovo Canzoniere Italiano.

    Dall'aprile 1985 all'aprile 1997 è presidente del Circolo Arci Corvetto di Milano; e 20 maggio 1996 succede allo scomparso Franco Coggiola nella direzione dell'Istituto Ernesto De Martino, con sede a Sesto Fiorentino. Nel 1997 realizza per il manifesto il CD Ho male all'orologio; nel 2000, sempre per "il manifesto" incide il CD La cantagranda (forse walzer), nel quale spicca un ostico e suggestivo brano come Il capitano. Le ultime canzoni di Ivan Della Mea si fanno notare anche per il composito e spesso insolito e del tutto particolare impasto linguistico nel quale il milanese continua a recitare una parte privilegiata (come nel pezzo Sciàmbola, eseguito da Claudio Cormio).

    Attività letteraria e giornalistica

    Suoi i seguenti libri: "Fiaba d'orso, di bagatto di un giorno centenario" [romanzo, Bertani Ed.-Circolo del Pestival, collana I Senzastoria, 1984]; "Il sasso dentro" [Interno Giallo editore, 1990]; "L'Ambrosiana" [poesie, Pacini editore, collana I vagabondi, 1992]; "Se nasco un'altra volta ci rinuncio" [primo Premio Forte dei Marmi 'per il libro più divertente dell'anno'; Interno Giallo editore, 1992]; "Un amore di luna" [racconti, Granata press, 1994]; "Sveglia sul buio" [romanzo, Granata press 1995]; "La cantagranda [poesie, Bandecchi&Vivaldi-Il Grandevetro editori, 1998]; "Prima di dire" [poesie, Jaca Book-il Grandevetro editori, 2004]; "Accadde a Tuscamelot" [Jaca Book-il Grandevetro 2006].

    Giornalista pubblicista intestatario di rubriche fisse su l'Unità e su Liberazione, collaboratore di questi due giornali ha scritto soprattutto per "il manifesto"

    Ivan Della Mea era fratello minore del giornalista e attivista politico Luciano Della Mea (1924-2003).

    È stato direttore responsabile della rivista di immagini, politica e cultura Il Grandevetro.

    Discografia

    33 giri [modifica]

    CD [modifica]

    EP [modifica]

    45 giri [modifica]

    Opere letterarie

    Collegamenti esterni

    • Scheda su ildeposito.org, con link a testi, accordi e files audio.

    da http://it.wikipedia.org/wiki/Ivan_Della_Mea




     
    227 Voti (Vota questo contributo )
     Stampa questa pagina Stampa

    UtenteData/OraCommento

    Non ci sono commenti per questo contributo



    Utente     Accedi/Registrati
    Commento  
    Codice di sicurezza       Che cos'è?



  •   Versione: 3.0